Ordine degli Ingegneri della provincia di Firenze

In breve

:: ALBO

:: CONSIGLIO

:: CONSIGLIO DI
   DISCIPLINA

:: SEGRETERIA

:: CORSI

:: SEMINARI E
   CONVEGNI

:: PATROCINIO

:: BANDI

:: COMMISSIONI

:: CONVENZIONI

:: OFFERTE LAVORO

:: SQUADRA DI CALCIO

:: ATTIVITA'
   AGGREGATIVE

:: NEWSLETTER

:: RASSEGNA STAMPA
   CNI

:: CIRCOLARI CNI

:: PEC

:: FIRMA DIGITALE

:: FORMAZIONE

:: AMMINISTRAZIONE
   TRASPARENTE

 

 

ALBO INDIRIZZI PEC
DEI PROFESSIONISTI

Ministero dello Sviluppo Economico

 

CONSULTA INTERPROFESSIONALE
PRESSO IL COMANDO VVF FIRENZE

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Firenze

 

Linea due

Login

Se sei già registrato al sito

REGISTRAZIONE
Registrandoti avrai accesso allo Sportello Ambiente e allo Sportello Sicurezza
La registrazione è riservata ai soli iscritti all'Ordine

Informativa previdenziale per gli iscritti


Gli obblighi previdenziali e contributivi degli Ingegneri iscritti all’Albo che esercitano la libera professione sono schematicamente riassumibili come segue.

 

INGEGNERE LIBERO PROFESSIONISTA (non soggetto ad altre forme di previdenza obbligatoria)

se svolge “in maniera continuativa” attività libero professionale in forma individuale oppure in associazione, in società o in raggruppamento temporaneo con altri professionisti:

  • deve iscriversi a Inarcassa, se esercita in forma individuale e/o in associazione, in società o in raggruppamenti temporanei, ma comunque con partita IVA individuale;
  • se esercita in associazione o in società di professionisti provvista di partita IVA societaria, l’associazione o la società devono essere registrate a Inarcassa;
  • deve versare a Inarcassa i contributi soggettivo, integrativo e maternità in proporzione al reddito e al volume d’affari individuale;
  • per il reddito professionale e il volume d’affari prodotto in associazione, in società o in raggruppamento temporaneo, il professionista deve versare i contributi in misura proporzionale alla quota di sua competenza.

se svolge “in maniera saltuaria e del tutto occasionale” attività libero professionale:

  • non deve iscriversi a Inarcassa e deve iscriversi alla gestione separata INPS, se il reddito annuale derivante dall’attività professionale è superiore a €. 5.000,00 (cfr. art. 44, comma 2, D.L. 269/2003);
  • se è titolare di partita IVA., deve versare a Inarcassa il contributo integrativo sui corrispettivi percepiti per prestazioni professionali, rientranti nel volume di affari IVA.

INGEGNERE DIPENDENTE

se esercita anche attività libero professionale “in maniera abituale”:

  • deve possedere partita IVA;
  • non deve iscriversi a Inarcassa e deve iscriversi alla gestione separata INPS (art. 2, comma 26, L. 335/1995);
  • deve versare a Inarcassa il contributo integrativo sui corrispettivi percepiti per prestazioni professionali, rientranti nel volume di affari IVA.

se esercita anche attività professionale in maniera “saltuaria e del tutto occasionale”:

  • non deve iscriversi a Inarcassa e deve iscriversi alla gestione separata INPS, se il reddito annuale derivante dall’attività professionale è superiore a €. 5.000,00 (cfr. art. 44, comma 2, D.Lgs 269/2003);
  • se è titolare di partita IVA., deve versare a Inarcassa il contributo integrativo sui corrispettivi percepiti per prestazioni professionali, rientranti nel volume di affari IVA.

SOCIETA’ DI INGEGNERIA

  • devono possedere partita IVA e devono essere registrate a Inarcassa;
  • devono versare a Inarcassa il contributo integrativo sui corrispettivi rientranti nel volume di affari IVA, per la quota afferente alle prestazioni professionali eseguite da Ingegneri o da Architetti;
  • i compensi degli Ingegneri amministratori di società di Ingegneria che esercitano la professione sono assimilati a redditi di lavoro autonomo e sono soggetti agli stessi contributi dovuti a Inarcassa dai liberi professionisti ;
  • gli Ingegneri amministratori di società di Ingegneria che non esercitano la professione, oppure hanno funzioni di sindaci o di revisori nelle società devono iscriversi alla gestione separata INPS (art. 2, comma 26, L. 335/1995).

INGEGNERE PENSIONATO

se esercita la professione “in maniera continuativa”:

  • ha gli stessi obblighi di un libero professionista non pensionato: deve iscriversi a Inarcassa e versare i contributi soggettivo, integrativo e di maternità.

se svolge prestazioni di lavoro autonomo “occasionale”:

  • non deve iscriversi ad Inarcassa, ma deve iscriversi alla gestione separata INPS, se il reddito annuale derivante dall’attività professionale superiore a € 5.000,00 (cfr. art. 44, comma 2, D.Lgs 269/2003);
  • se è titolare di partita IVA., deve versare a Inarcassa il contributo integrativo sui corrispettivi percepiti per prestazioni professionali rientranti nel volume di affari IVA.

LE COMUNICAZIONI A INARCASSA

Sono tenuti ad effettuare le comunicazioni ad Inarcassa, ex art. 16 L. n. 6/1981:

  • tutti gli Ingegneri iscritti ad Inarcassa;
  • tutti gli Ingegneri iscritti all’Albo, anche se non iscritti a Inarcassa, se sono tenuti a presentare dichiarazioni IRPEF ed IVA relativamente all’attività professionale svolta nell’anno cui si riferisce dichiarazione.

Per informazioni più dettagliate: http://www.inarcassa.it - http://www.inps.it

Scarica il file in formato pdf:

Documenti

Previdenza

Ordine degli Ingegneri della provincia di Firenze  -  Torna alla homepage